Questo sito utilizza i cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo.  
This text is replaced by the Flash movie.


Località - Mappe
Le mappe geografiche per Andalo, Molveno, Fai della paganella Spormaggiore e Cavedago
Appuntamenti
Teatri e concerti, Cinema e film, Eventi locali, Fiere e convergli, Arte e cultura, Percorsi culturali

LA DORSALE GAZA PAGANELLA

fai della paganella e la valle dell'adige Si tratta della una catena montuosa di modeste dimensioni, si estende infatti soltanto per una ventina di Km, parallela al Gruppo del Brenta da N-E verso S-O. le sue ridotte dimensioni non ne sminuiscono però certamente l'importanza, soprattutto per la posizione particolare che offre una serie di panorami del Trentino decisamente spettacolari.

Procedendo da nord verso sud troviamo il Monte Fausior (mt 1550), che si stende tra il passo Santel e la gola della Rocchetta, dalla Paganella (mt 1125) troncone centrale della catena nonchè picco più alto, poco più a sud tra questa e la cima Canfedin (mt 2034) si trova il passo di S.Antonio (mt. 1893) collegamento con il sottostante comune di Terlago.Infine, i monti Gaza (mt. 1985) e Ranzo (mt.1835) sono il limite estremo della catena, segnato dal fiume Sarca e dai laghi di S. Massenza e Toblino.
Tra queste due ultime cime, un'altra strada permette di raggiungere la valle, presso il comune di Covelo, attraversando Passo S. Giacomo (mt. 1963).

La paganella vista la mt. Fausior La catena Gaza Paganella divide la Valle dell'Adige dal massiccio del Brenta, formando nella parte di giunzione con quest'ultimo quello che viene chiamato l'altopiano della Paganella.

PAGANELLA
La Paganella con i suoi 2125 mt di altitudine è la cima piu alta della catena, e certamente anche la più rinomata, il suo versante ovest consiste in un pendio boschivo con pendenza piuttosto regolare, che scende verso l'altopiano, mentre sul lato opposto, il versante Est, cala a picco sulla valle dell'Adige con una parete rocciosa verticale.
L'ubicazione frontale rispetto alle cime ben più alte del gruppo del Brenta ne fa il luogo ideale per ammirare queste maestose vette, che per la conformazione della roccia all'alba ed al tramonto assumono delle colorazioni veramente uniche.
La skiarea della Paganella Al contempo sull'altro versante, a picco sulla valle dell'Adige, si ha una panoramica altrettanto bella, vi si può infatti seguire il percorso del fiume Adige, che proveniendo da Bolzano attraversa l'ampia valle pianeggiante, procedendo in direzione sud verso Verona, separando il gruppo di Brenta dalla catena delle Alpi Dolomitiche, delle quali si possono ammirare le cime del Catinaccio, del gruppoo di Sella, il monte Civetta, la Marmolada, le Pale di S. Martino, la catena del Lagorai, in una panoramica che dal confine meridionale dell' Austria arriva fino al Veneto.

La conformazione di questa montagna l'ha resa inoltre meta ideale per il turismo invernale, in funzione anche della buona organizzazione degli impianti sportivi e di risalita presenti.
Piuttosto noto anche il complesso di cavità carsiche denominate Grotte di Cesare Battisti, accessibili sul dirupo che da Becco di Corno scende nella Val Trementina sul versante Atesino, di notevole interesse speleologico. L'estremità più a nord della dorsale Gazza-Paganella è il Monte Fausior (mt.1554), Si tratta di una montagna prevalentemento boscosa, con alte pareti rocciose sulla valle del Noce, ma per gran parte composto da un irregolare altipiano, che ad est sovrasta il terrazzo panoramico di Fai della Paganella, mentre sul versante opposto le sue pendici, incontrano quelle del monte Fibion (mt.2675) (gruppo Brenta), formando la valle dello Sporeggio, nella quale troviamo i comuni di Cavedago e Spormaggiore.
Questo sito è sviluppato da brentapaganella.com - p.iva 01779300225