Questo sito utilizza i cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo.  
This text is replaced by the Flash movie.
Cultura
Ambiente e Natura
Arte e Archeologia
  Castelli e palazzi
        Castel Thun
        Castel Stenico
        Castel Belfort
        Castel Mani
        Castel Beseno
        Castel Sporo
        C.del Buonconsiglio
        Castel Campo
        Castel S.Gottardo
  Monumenti Sacri
  Archeologia
Gastronomia
Storia e Leggenda
Itinerari
Libri


Località - Mappe
Le mappe geografiche per Andalo, Molveno, Fai della paganella Spormaggiore e Cavedago
Appuntamenti
Teatri e concerti, Cinema e film, Eventi locali, Fiere e convergli, Arte e cultura, Percorsi culturali

Castel Belfort

Castel Belfort, si trova sulla strada che collega Cavedago a Spormaggiore.

Le mura e la Torre di Castel Belfort a Spormaggiore Cavedago La nascita di questo castello risale al 1311 quando Enrico conte di Tirolo concesse l'autorizzazione ad erigere una torre con eventuali adiacenti edifici a Tissone figlio di Geremia I ed eredi con concessione in feudo perpetuo.

Nei documenti dell'epoca viene citata la locazione della struttura "sul dosso o colle di Malgolo, giacente nelle pertinenze di Spormaggiore sotto la strada nuova".

Una caratteristica che contraddistingue Castel Belfort, e ne influenza pesantemente la storia è il fatto che esso sorga nella giurisdizione del preesistente castello di Sporo-Rovina come rocca per il distretto di Andalo e Molveno. Questo spiega perchè nel corso degli anni abbia subito così tanti cambi di proprietà, spesso dovuti a macchinazioni politiche "scambi di favori" tra i potenti.

Si noti che nelle investiture tedesche questo castello viene sempre citato con il nome di Altspaur fino al XVIII, mentre dalla casata dei Reifer (Reiver) viene invece chiamato Castel Riberi (o Castel Raiver ed anche C.Raivera).

La struttura oggi diroccata, è ancora imponente e chiaramente visibile : presenta l'antica e torre merlata, circondata dalle vaste mura perimetrali di forma rettangolare.

Sul lato est delle mura in prossimità della torre si apre il portone di ingresso, oltrepassato il quale uno stretto passaggio permette di aggirare l'edificio interno seguendone il perimetro nel corridoio che passa tra lo stesso e le mura esterne.
Il profilo dell'imponente Castel Belfort a Spormaggiore Cavedago Dell' edificio si conservano oggi solo le strutture perimetrali in pietra, i piani ed i soffitti sono purtroppo ormai da tempo crollati.

Dalla documentazione (un inventario del 1645) risulta che in un appartamento ai piani superiori fosse presente una cappella per i servizi religiosi della famiglia e dedicata ai Santi Fabiano e Sebastiano. Nella parte occidentale dell'edificio, fuori dalle mura rimangono tracce delle stalle.

L'edificio non ha caratteristiche medievali, assomigliando forse più ad una fortezza moderna, questa anomalia è dovuta all'incendio che nel 1670 devastò il castello originale, e che venne di conseguenza ricostruito dai Conti Saracini sulle precedenti rovine.

Le dinastie

La storia di Castel Belfort è piuttosto lunga ed articolata, numerosi furono i cambi di mano nella gestione del Castello e della sua giurisdizione, abbiamo riservato quindi un capitolo a parte per elencarne le vicissitudini.

Riassunte in breve le varie dinastie succedutesi nella proprietà di Belfort sono :

Tissoni 1311-1350 / Reifer 1350-1427 / Thunn 1429-1450 / Neudeck 1470-1500 / Concini 1500-1543 / Nogarola 1543-1574 / Pezzen 1607-1627 / Terlago 1627-1642 / Sporo Rovina 1642-1650 / Del Monte 1650-1693 / Saracini 1693.

Seguono invece nel dettaglio la Storia di Castel Belfort e della sua giurisdizione.
Altre informazioni in merito alla storia del castello possono essere presenti nelle pagine di descrizione di Castel Sporo Rovina.
Questo sito è sviluppato da brentapaganella.com - p.iva 01779300225